Calendario Verde

Calendario Verde di Febbraio – cosa fare in giardino a febbraio

Unmaco / Eventi e blog / Calendario Verde / Calendario Verde di Febbraio &...

Il mese di febbraio rappresenta un periodo di transizione per i giardini, caratterizzato da una significativa variazione termica. Mentre i primi giorni solitamente mantengono una temperatura che impedisce il risveglio vegetativo della maggior parte delle specie, la seconda metà del mese segna l’allungamento delle giornate e il riscaldamento del terreno, indicando alle piante di entrare in uno stato vegetativo attivo. Il Calendario del Verde di Febbraio, elaborato dai nostri agronomi, si adatta a questa fase ibrida, offrendo consigli per la gestione invernale delle alberature e dei problemi dovuti all’alta umidità del periodo (eccesso di lombrichi – malattie fungine) ma anche consigliando i fertilizzanti organici più adatti per stimolare un pronto risveglio di tappeto erboso e piante.

[Clicca qui per scaricare il calendario verde di Febbraio senza leggere l’approfondimento]

La gestione degli alberi in inverno

L’inverno rappresenta un periodo di riposo vegetativo per moltissime specie e per questo viene spesso scelto come momento ideale dell’anno per effettuare potature e per mettere a dimora piante. In febbraio, i lavori di potatura e stabilizzazione possono proseguire, mantenendo un’attenzione alle temperature e all’età della pianta.

Potatura

Per garantire la salute dell’esemplare, prima di potare è importante: avere chiaro obiettivo e tipo di potatura (Ricostruzione – Rimodellamento – Alleggerimento – Riduzione – Allevamento – Produzione); intuire il tipo di risposta che avrà la pianta; conoscere l’età della pianta e il suo stadio di sviluppo. Evitare le capitozzature è un consiglio imprescindibile.

Dopo la potatura, è consigliato usare un prodotto che disinfetti le ferite e prevenga l’infezione e quindi lo sviluppo di patologie e funghi. Double-D, al contrario dei mastici, lascia traspirare la ferita e, grazie al suo pH molto acido, svolge azione di protezione verso microrganismi patogeni.

Consolidamento alberi

Con consolidamento si intendono tutti i metodi di collegamento o supporto delle branche o fusti di una pianta allo scopo di ridurre la probabilità di cedimento e/o i danni associati a un cedimento strutturale della pianta. L’obiettivo complessivo è cercare di prevenire il cedimento della branca o della pianta intera e/o di evitare danneggiamenti a persone o cose.

Come fare ciò? Con sistemi specifici, sviluppati sulle esigenze della pianta. I kit Cobra, con ammortizzatori registrati, rappresentano un’ottima scelta. La corretta applicazione di tali sistemi contribuirà a prevenire danni strutturali e garantirà la sicurezza delle piante. Diversi i modelli disponibili, scrivici per sapere qual è il migliore per le tue esigenze.

Messa a dimora di alberi e piante

La messa a dimora delle piante, per quanto sia un’operazione veloce, richiede attenzioni particolari per garantire lo sviluppo sano delle piante ed evitare la sofferenza dell’esemplare.
Dopo la preparazione della buca, consigliamo l’utilizzo di Orgasyl Plantation, un terriccio specifico per la piantumazione che contiene concime organico per uno stimolo iniziale e il radicante Osyr, che permette di proteggere la pianta dagli stress.
In caso di messa a dimora di specie di particolare valore o in condizioni sfavorevoli, l’inzaffardatura con Nutribio N e Idronano offre una soluzione efficace, apportando antiossidanti, stimolante radicale e un ritentore idrico biodegradabile. Basta creare in un ampio catino una soluzione con Nutribio N e Idronano quindi immergerci l’apparato radicale della pianta (non ci sono pericoli di bruciature) e procedere con la messa a dimora.

La preparazione delle piante al risveglio vegetativo

L’aumento delle temperature già dalla metà di febbraio, come osservato negli ultimi anni, indica la necessità di preparare il terreno per la prima concimazione del tappeto erboso e di alcune piante. L’uso di prodotti a base organica di alta qualità è consigliato per favorire il recupero post-inverno e per apportare sostanza organica al suolo che migliorerà non solo la struttura del terreno, aumentandone la capacità di gestione dell’acqua, ma stimolerà la crescita di un ambiente più sano per lo sviluppo delle piante. Si sconsiglia l’uso di prodotti con azoto organico derivato da pellami e scarti della lavorazione della pelle poiché questi hanno azione sulla pianta ma pressoché nulla sul suolo.

Per il tappeto erboso, consigliamo l’ammendante Vegevert o, per un maggiore apporto di azoto, il concime Ever 10 (10.2.4), entrambi arricchiti con lo stimolante di radicazione omologato Osyr e specifici per il prato. Per piante e arbusti, Actimus con Boro e Zinco migliora l’inizializzazione floreale e la crescita primaverile, garantendo anche la protezione dalle condizioni di stress e malattie (grazie a Osyr).

Preparare l'orto a febbraio

Questi mesi invernali possono essere il momento ideale per preparare l’orto in vista della primavera. L’importanza di una buona sostanza organica nel suolo è cruciale: aggiungere materia organica viva e da origine controllata (al contrario dei compost “fai da te”) permette di apportare microrganismi utili che andranno a colonizzare il suolo e, sviluppando rapporti simbiotici con le radici delle piante, le aiuteranno a svilupparsi e a essere più forti e resistenti.  Nella creazione di un orto l’aggiunta di materia organica controllata come Vegethumus offre un supporto essenziale. Questo ammendante organico, arricchito con umofosfati e lo stimolatore di crescita radicale Osyr, ripristina la fertilità del suolo e crea condizioni ottimali per lo sviluppo delle piante dell’orto fin dalla prima fase di crescita.

Creando un ambiente favorevole alla crescita delle piante, Vegethumus promuove la formazione di rapporti simbiotici tra le radici e i microrganismi utili presenti nel suolo, migliorando la resistenza e la forza delle piante.

Prevenire le malattie fungine invernali del prato

La presenza di malattie fungine rappresenta una sfida, specialmente in condizioni di elevata umidità. Evitare di camminare sul tappeto erboso ghiacciato è fondamentale per prevenire fratture alle lamine fogliari, che potrebbero diventare un terreno fertile per patogeni e malattie primaverili. In caso di taglio, la raccolta dei residui di taglio e la pulizia costante del tappeto erboso da foglie e residui vegetali sono altrettanto importanti per prevenire lo sviluppo di malattie fungine. I rimasugli infatti potrebbero creare muffe e, il loro strato, prevenendo il passaggio di luce e aria sul prato, portare a malattie.

La gestione dell’umidità è cruciale per ridurre il rischio di malattie fungine invernali come Microdochium nivale, Typhula e Filo rosso. La rimozione della rugiada mattutina, con prodotti come Magnum Recoil di Indigrow, contribuisce a disperdere l’umidità sulla lamina fogliare, riducendo il rischio di malattie. L’uso di agenti umettanti specifici come Magnum 44 e Resolute nel piano di gestione del tappeto erboso contribuisce a evitare l’accumulo di acqua su suoli compattati, riducendo lo sviluppo di muffe, muschio e funghi.

Curare le malattie fungine invernali del prato

Cosa fare se si notano macchie tipiche delle patologie invernali del prato (quest’inverno le condizioni erano spesso perfette per lo sviluppo di Microdochium nivale)?

In caso di segni evidenti di patologie invernali del prato il fosfito di Potassio come Fosfo-K rappresenta una soluzione senza l’uso di fitofarmaci. Stimolando la protezione endogena delle piante (tramite la produzione di fitoalessine – molecole ad azione fungitossica) e rendendo le pareti cellulari più resistenti, Fosfo-K combatte i patogeni attivi e promuove la salute delle piante.

Se la malattia ha uno sviluppo contenuto e si vuole mascherare la sua presenza, un colorante translaminare e protettivo contro i raggi UV come Optik Bronco è la soluzione. A Optik Bronco è stato aggiunto Asset Gold per un effetto biostimolante naturale e antistress sulla pianta, in particolare durante i periodi con condizioni climatiche estreme.

Altre problematiche invernali del prato

Il lavoro dei lombrichi è fondamentale nel suolo, capita però che, per vari motivi, ci siano giardini dove la loro presenza è davvero troppo elevata e che ci si ritrovi con danni come i mucchietti di escrementi. In casi di eccessiva presenza, Team Cast e Purity, repellenti naturali rispettivamente in forma liquida e microgranulare, possono essere utilizzati su suolo ben bagnato per allontanarli.

Se la colorazione del tappeto erboso risulta compromessa a causa delle condizioni climatiche invernali e non puoi attendere miglioramenti meteorologici, puoi rivitalizzarlo per ottenere una tonalità verde vibrante mediante l’uso di ferro ad assorbimento rapido, in forma liquida. Optik Bronco è un colorante di ultima generazione che garantisce un’assimilazione praticamente istantanea e risultati estetici duraturi. Inoltre, grazie alla presenza di Asset Gold ha effetto biostimolante naturale e antistress sulla pianta, in particolare durante i periodi con condizioni climatiche estreme come l’inverno.

Vuoi muoverti in anticipo sullo sviluppo d’infestanti primaverili? In questo articolo ti spieghiamo come fare, in ottica #WeGreencare

Il Calendario Verde di Febbraio

Cosa fare in giardino a febbraio

 

📍 Sei un privato e vuoi acquistare gli stessi prodotti usati dai professionisti? Per te c’è GiardinaggioStore

Sei un privato?

I prodotti professionali direttamente a casa tua Scopri di più

Are you a private?

Professional products directly to your home Find out more

Calendario Verde19arrow_forwardI consigli degli esperti68arrow_forwardI prodotti18arrow_forwardInformazione Verde18arrow_forwardLa testimonianza ai professionisti4arrow_forwardNews di Settore/Fiere15arrow_forward

Iscriviti alla newsletter

Non perdere le ultime news di Unmaco


    Subscribe to the newsletter

    Don't miss the latest Unmaco news


      logo unmaco

      Un impegno preciso in continua evoluzione.

      Da più di 35 anni ci impegniamo ogni giorno per offrire ai nostri clienti prodotti e servizi sempre più efficaci e innovativi. Un impegno preciso in continua evoluzione!

      Scopri di più